Phaleron War Cemetery di Atene

“Che c’è di interessante da vedere in un cimitero?” mi domandava mio zio con l’espressione a punto interrogativo come se venissi da un altro pianeta, mentre io e suo figlio raccontavamo entusiasti della nostra gita al Phaleron War Cemetery di Atene.

Non era stata una visita programmata, un giro in città senza una meta precisa quando il mio sguardo è stato attirato da questo cimitero lungo la strada che porta nella zona più ricca del Pireo.

img_20160720_174250

Non so mai come spiegare questa strana passione senza dare l’idea di essere un soggetto borderline.

Il fatto è che anni e anni di cultura televisiva hanno disegnato nell’immaginario umano il cimitero come un posto di cui avere paura, pieno di fantasmi e leggende da raccontare la notte di Halloween.

img_20160720_173436

Eppure io in mezzo a questo mucchio di pietre ci vedo tanta vita, storie di quelli che prima di noi hanno lasciato il loro segno su questa terra. I cimiteri parlano, sono quello che siamo stati e quelle pietre ci ricordano il valore della vita e degli affetti a noi cari o detestati.

Le lapidi raccontano storie e raccontano la Storia, quella con la S maiuscola e il cimitero militare di Atene è anche questo. La testimonianza diretta che la guerra fa schifo e che è nostro dovere non ricadere nel circolo vizioso che ci porta ad ammazzarci allegramente come cani.

img_20160720_171948

Soldati di ogni ordine, grado, appartenenza religiosa e provenienza popolano questo pezzo di terra, 2.029 soldati uccisi durante la Seconda Guerra Mondiale.

Questo è solo uno dei tanti cimiteri militari gestito dal Commonwealth War Graves Commission in giro per il mondo. Come tutti i cimiteri gestiti dal CWGC è tenuto in maniera ineccepibile.

img_20160720_174122

Ordinato, pulito, curato. Militare. Le lapidi sembrano tutte uguali ma a guardarle bene ognuna si distingue dall’altra. Le incisioni raccontano la provenienza di colui che la abita e l’appartenenza al gruppo militare.

img_20160720_173541

Solo le lumache sembrano voler profanare queste pietre, incuranti del loro significato le scalano mentre un altro giorno pigramente passa in quel piccolo luogo di pace a pochi metri dal traffico stressato di Atene.

img_20160720_174327

 

 

 

One Comment Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...