Quel che fa di me una fotografa

Ovunque vado, ciò che ho intorno è uno spunto interessante, una storia da raccontare.

La composizione dell’immagine è importante anche senza un mirino a portata di mano.

Vivere ogni evento della vita con l’eterno conflitto del che faccio porto con me la macchina fotografica ben sapendo che nessuna vacanza sarà mai una vacanza, perché ogni foto richiederà un certo tipo di impegno e una giusta dose di concentrazione.

D’altro canto se la scelta cade sul no qualunque viaggio, vacanza sarà un continuo pentirsi, per ciò che si è visto e per ciò che si sarebbe voluto immortalare.

Guardare le persone e immaginarle fatte di pixel fa di me una fotografa?
Evitare di scattare in RAW fa di me una pessima fotografa?

Forse questa è abbastanza grave da non farmi meritare l’appellativo di fotografa, eppure io credo ancora a quella teoria del “non importa come lo racconti, importa cosa racconti”. Questo fa di me una fotografa?

Se Richard Drew avesse scattato questa foto ad una risoluzione più bassa o con il cellulare questo avrebbe fatto di lui un pessimo fotografo?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...